Giovedì, 13 Dicembre 2018
RSS Feed
Categoria: cultura

Lo storico Organo Alari

300 alunni in Collegiata ad ammirarlo

di Angelo Bianchini lunedì 10 giugno 2013
concerto 2ANGUILLARA - Nel percorso didattico su "L'Arte Sacra nella vita del nostro Territorio", promosso dall'Arciconfraternita della Misericordia detta di S. Giovanni Decollato della Terra dell'Anguillara, non poteva mancare un momento dedicato all'antico Organo della Collegiata di Santa Maria Assunta in Cielo, incluso nel Registro degli Organi Storici Italiani.

Mercoledì 5 giugno, nella Chiesa-Madre sabatina, gremita da oltre trecento alunni delle locali scuole primarie, accompagnati dai rispettivi insegnanti, si è svolto un incontro culturale sul prezioso strumento musicale, a cui è seguito un concerto con un repertorio di brani classici e di brani ricorrenti nelle varie celebrazioni liturgiche, eseguiti magistralmente dall'organista della Parrocchia, Giuseppe Bianchini.

A fare gli onori di casa il Viceparroco, P. Francisco Javier Botia Càceres, che, dopo aver dato il saluto di benvenuto a tutti i presenti, ha richiamato l'attenzione generale sull'importanza del canto nella liturgia e, specificatamente, della funzione dell'organo come indispensabile strumento di accompagnamento e di ausilio nell'elevazione spirituale dei fedeli durante le funzioni religiose.

Da parte del Coordinamento del Progetto sono seguite delle comunicazioni che hanno messo in evidenza la storia dello storico strumento, le sue caratteristiche sonore, l'impegno profuso dall'intera comunità locale nella realizzazione degli accurati e qualificati interventi di restauro, condotti dall'organaro Riccardo Lorenzini di Firenze, a seguito dei quali è stato riportato all'antico splendore e alla sua piena funzionalità.

L'Organo della Collegiata è sicuramente uno dei beni più pregiati del patrimonio storico e artistico locale. L'idea della sua realizzazione risale al 1790. Nel Libro dei Capitoli della Collegiata di Anguillara dal 1754 al 1822 si riporta che il Capitolo dei Canonici, riunito il 7 marzo 1790 deliberò: "Essendosi capitolarmente congregati al solito nel consueto luogo (...) fu proposto come dopo essere stata di nuovo con magnificenza fabbricata la nuova Chiesa Collegiata, mancava in essa l'organo, il quale, oltre lo splendore che avrebbe recato alla Chiesa, era di decoro nelle Sacre Funzioni e di incitamento ai fedeli di divozione...".

La sua costruzione venne commissionata a Domenico Alari, esponente di una delle più illustri botteghe dell'arte organaria del Settecento romano. La famiglia Alari, fino a Domenico, ebbe l'incarico prestigioso della cura degli organi di storiche basiliche romane, tra cui quello dell'Arcibasilica Papale di S. Giovanni in Laterano, per la quale costruì anche due piccoli organi positivi ad ala, come risulta da documenti custoditi nell'Archivio Lateranense. Inaugurato solennemente nel 1792 nella rinnovata Chiesa Collegiata, nel 1992, esattamente duecento anni dopo, venne smontato dall'organaro fiorentino, Riccardo Lorenzini, per essere ricollocato, tre anni dopo, pienamente funzionante, sopra la cantoria nell'artistica cassa, costruite entrambe da Francesco Poggi, su disegno dell'Architetto Giuseppe Scaturzi, e pitturate e dorate dal decoratore Costantini De Romanis.

Un interessante studio monografico sull'Organo di Anguillara è stato svolto dal Prof. Armando Carideo, docente di Storia degli Strumenti Musicali presso l'Università di Tor Vergata a Roma, che per primo ha scoperto l'importanza storica dello strumento, riportando alla luce dai vari archivi documenti originali dopo accurate ricerche condotte con passione e rigore scientifico.

L'incontro musicale in Collegiata è durato circa un'ora. Per tutti, piccoli e grandi, è stato un momento di incisivo arricchimento culturale, che ha trasmesso un susseguirsi di vive e particolari emozioni. In un clima di profondo raccoglimento, l'ascolto della voce dell'Organo, nella varietà delle sue capacità sonore e dei suoi effetti speciali, ha suscitato interesse e stupore, sintonizzando tutti i presenti in una corale partecipazione attiva.

A conclusione della manifestazione, il Dirigente Scolastico dell'Istituto, Prof.ssa Danila Annesi, ha rivolto parole di vivo apprezzamento e ringraziamento a quanti si sono adoperati per la realizzazione del Progetto. Non ha nascosto la sua emozione e il suo entusiasmo nell'esaltare l'inesauribile patrimonio di risorse e di beni di cui è dotato il territorio sabatino.

" Le bellezze di questi luoghi – ha sottolineato il Dirigente Scolastico – non possono non riflettersi positivamente sulla vita di ciascuno di noi, portando armonia e rendendo più distese e serene anche le relazioni interpersonali".

Nell'immagine in basso, un momento della visita degli alunni

concerto 1

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -