Martedì, 4 Agosto 2020
RSS Feed

politica

Categoria: politica

Anguillara, De Vito: “Lascio la Lega”

L'ex coordinatore: "Meritocrazia presa a calci"

redazione lunedì 3 agosto 2020
de vitoANGUILLARA - "Il partito ha tradito la sua vocazione, non è un luogo dove regna la meritocrazia ma altre logiche. Ho aderito alla Lega con la convinzione che il percorso proposto da Salvini ponesse al centro dei propri obiettivi un rinnovamento del nostro territorio. Appariva scontato che per realizzare questo progetto fosse necessario valorizzare le donne, gli uomini e le risorse attribuendo alla classe dirigenziale una profonda melodia soprattutto alla luce degli eccezionali risultati delle elezioni Europee. Purtroppo dopo le Europee la melodia si è interrotta nel Lazio dove sono cambiati gli assetti. Non faccio riferimenti, ma punto il dito contro la nuova Lega dove non si riconoscono nomine e posizioni dominanti. Dopo più di tre anni di lavoro e sacrificio personale, mi hanno confermato il ruolo di coordinatore, una gratifica onorevole, adeguata e dovuta per il rispetto della comunità locale. Ma d'improvviso l'incarico, così come quello di capolista è stato rinnegato a favore di personaggi il cui cambio di casacca è una virtù e non una vergogna. Davanti all'evidenza di tanti meriti sconosciuti a me e al mio direttivo, preferisco abbandonare definitivamente le logiche di partito. Tenetevi i nominati e continuate a prendere a calci la meritocrazia. Ma senza di noi. Credo ancora di più nella politica fatta da persone che non hanno interessi personali da perseguire e amano il territorio e non lo usano".

Lo dichiara Daniele De Vito, ex coordinatore della Lega ad Anguillara.

Share on Facebook
Categoria: politica

Ladispoli, Consiglio comunale il 6 agosto

Odg: rendiconto 2019, Ater, chioschi cimitero

redazione lunedì 3 agosto 2020
MUNICIPIO LADISPOLILADISPOLI - Il Consiglio comunale di Ladispoli è convocato in seduta ordinaria, chiusa al pubblico ma in diretta streaming a causa del covid-19, giovedì 6 agosto alle 21, per discutere il suguente ordine del giorno:

1 - Rendiconto della gestione per l'anno 2019 ai sensi del tuel 267/2000;

2 - Attestazione dell'interesse pubblico sulla richiesta di permesso di costruire in Deroga alla strumento urbanistico generale ai sensi art.14 comma 1 bis del dpr 380/01 - Ater provincia di Roma realizzazione di alloggi di edilizia residenziale Pubblica in loc. Fascia Aurelia p.zza Riga - autorizzazione al rilascio p.d.c. in deroga;

3 - Cimitero comunale, integrazione all'art.2 della convenzione rep. 4674/2019 – Precisazione affidamento chioschi al concessionario;

4 - Piano insediamenti produttivi piane di vaccina, zona e1 ed e2 di p.r.g. – deroga all'utilizzo degli opifici per gli enti del terzo settore e le associazioni senza scopo di lucro. Integrazione regolamenti.

Share on Facebook
Categoria: politica

Anguillara, Manciuria in pole: "mi candido a sindaco"

“Decidano gli elettori non le logiche dei partiti”

redazione sabato 1 agosto 2020
manciuria 6ANGUILLARA - "E' arrivato il momento di dire un 'NO' forte e chiaro alla irrinunciabile vanità di Pizzigallo, che si ricandida a primo cittadino per la sesta volta consecutiva dal 1999 con scarni risultati e annuncio la mia candidatura a sindaco. Una candidatura indipendente, una candidatura che rappresenta tutti quei cittadini che per Anguillara vogliono un'amministrazione libera dai vecchi arnesi della politica riciclati per l'occasione e di chi li sostiene contando sul contentino che mai otterrebbe con i voti. Nulla di personale nei confronti della "controfigura" del figlio Angelo usata per nascondersi dietro i fallimenti delle competizioni precedenti e soprattutto dove in questi quattro anni di amministrazione grillina invece di stare con la gente per le scuole, i sensi unici e tanto altro, ha brillato dai banchi dell'opposizione per il silenzio assoluto".

Annuncia così il presidente di AnguillaraSvolta, Sergio Manciuria, la mancata condivisione per una candidatura unitaria della coalizione schierata 4 anni fa ad Anguillara, e la decisione di scendere in campo direttamente candidandosi a sindaco.

"Alcuni invocano l'unità del centrodestra soltanto a parole – è la riflessione di Manciuria - guardano al proprio orticello incapaci di fare una lista di partito e senza mai essere disposti ad agevolare un percorso comune in ragione di un altro unicamente autoreferenziale. Dalla caduta della fallimentare amministrazione a 5 Stelle ho lavorato ad una candidatura condivisa facendo nuovamente un passo di lato per giungere ad una soluzione che rispecchiasse le attese di tutti e, soprattutto, dei cittadini. Nonostante la nostra leale collaborazione, non è andata come speravamo grazie anche a coloro che della stretta di mano ne fanno un vanto ma poi puntualmente la disattendono per un illusorio strapuntino".

"A quanto pare – sottolinea il presidente di AnguillaraSvolta - c'è chi crede di vivere ancora nel Regno delle Due Sicilie e ritiene la nostra città un feudo, una questione familiare, dimostrando di non voler collaborare ad un progetto comune per il bene della città. Anche questa volta i soliti cortigiani, con la scusa di essere quarantenni come i predecessori pentastellati e di rappresentare il nuovo, stanno seguendo una strada di stampo borbonico, continuando ad agire secondo logiche che si sono ripetutamente rivelate perdenti, dimostrando di non volere tenere conto delle risposte ricevute dagli elettori".

"Ciò che resta di un'area politica e del tempo che fu – conclude Manciuria - si assumerà la responsabilità di avere impedito la nascita di una lista unitaria del centrodestra. Per me è una questione di rispetto della parola d'onore che cercherò di affrontare con cuore, competenza e coraggio, rimettendomi alle decisioni degli elettori e non sottostare alle vecchie logiche politiche - impostate solo per stare insieme per vincere e non per fare squadra - di coloro che i problemi di Anguillara li hanno letti sui giornali lasciando ad altri l'onere di provare a risolverli".

Share on Facebook
Categoria: politica

Lazio, la settimana in Consiglio regionale dal 3 al 6 agosto

Sedute lunedì e giovedì

redazione venerdì 31 luglio 2020
ingresso consiglio regionaleLAZIO - Il presidente Mauro Buschini ha aggiornato la seduta ordinaria n. 63 del Consiglio regionale alle ore 10 di lunedì 3 agosto per la prosecuzione dell'esame della Proposta di deliberazione consiliare n. 40 del 10 dicembre 2019 "Approvazione del Piano regionale di gestione dei rifiuti della Regione Lazio, ai sensi dell'art. 7, comma 1, della legge regionale n. 27 del 1998 e successive modifiche". Il secondo punto all'ordine del giorno resta la Proposta di legge regionale n. 213 del 25 marzo 2020 ("Legge di contabilità regionale"), di iniziativa della Giunta.

Inoltre, a seguito della conferenza dei presidenti dei gruppi consiliari del 31 luglio 2020, il presidente Buschini ha convocato la seduta ordinaria n. 64 del Consiglio regionale per giovedì 6 agosto 2020, al termine della seduta n. 63, per la trattazione dei seguenti argomenti: proposta di legge regionale n. 121 del 25 febbraio 2019 e proposta di legge regionale n. 192 del 22 ottobre 2019.

Infine, sempre a seguito della conferenza dei presidenti dei gruppi del 31 luglio 2020, è stato stabilito l'aggiornamento della seduta straordinaria del Consiglio regionale n. 62, sul tema "Interventi per l'edilizia scolastica e misure da adottare per l'apertura del nuovo anno scolastico 2020-2021 a fronte dell'emergenza coronavirus", al termine della seduta n. 64.

Per le sedute di commissione in modalità telematica, le richieste di accredito vanno inviate ad Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro le ore 16 del giorno prima.

La seduta del Consiglio regionale è trasmessa in diretta streaming sul canale youtube: https://www.youtube.com/channel/UC-QbSH0Jlh-M7BudHt9Q2nw/.

Per la seduta d'Aula, le richieste di accredito vanno inviate ad Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro le ore 17 del giorno prima.

La sala stampa e l'Acquario restano chiusi per motivi di sicurezza. I giornalisti accreditati possono accedere solo alla sala Mechelli per la diretta streaming.

Share on Facebook
Categoria: politica

Cerveteri, tutela animali: modificato il regolamento

Mai più animali a catena

redazione venerdì 31 luglio 2020
caneCERVETERI - "La tutela degli animali al primo posto. Proseguiamo il lavoro avviato dalla consigliera Roberta Rognoni e prima delegata alla tutela degli animali. Non è e non sarà certamente facile. L'amore e la dedizione con la quale lavorava Roberta rimarranno per sempre nei nostri cuori e negli occhi di tutti coloro che l'hanno conosciuta ed hanno collaborato con lei. Ieri, in Consiglio comunale abbiamo apportato alcune importanti modifiche al regolamento. Un altro importante passo a tutela dei nostri animali, parti integranti delle nostre vite e delle nostre famiglie".

A dichiararlo è Elena Gubetti, Assessora alle Politiche Ambientali del Comune di Cerveteri.

"La nostra città è da sempre stata in prima linea per la tutela e i diritti degli amici animali – ha aggiunto l'assessora - siamo stati infatti tra i primi comuni d'Italia ad approvare un regolamento specifico a loro dedicato, minuzioso e dettagliato sotto ogni aspetto. Oggi, dopo un attento lavoro, lo abbiamo ulteriormente migliorato. Un ottimo lavoro di squadra, che conferma l'impegno della nostra amministrazione sulle politiche degli animali".

Nel dettaglio, le variazioni del regolamento, si soffermano e tendono a restringere le normative su diversi aspetti. La modifica più importante riguarda l'introduzione del divieto assoluto di utilizzo della catena per tutti gli animali all'interno di tutte le proprietà. Viene inoltre vietato l'utilizzo e la vendita di colle per la cattura di ratti e di qualsiasi altra specie di animale. Formalizzata inoltre l'impossibilità di vietare l'accesso agli animali di affezione all'interno degli ascensori condominiali.

Altre modifiche riguardano le razze di animale ritenute pericolose: per loro, obbligatoria la stipula di un'assicurazione e per i cani è obbligatorio guinzaglio e museruola.

Il regolamento completo di tutte le modifiche è disponibile su www.comune.cerveteri.rm.it

"Durante il Consiglio comunale di ieri abbiamo portato a compimento un lavoro di squadra durato diversi mesi – ha dichiarato il consigliere comunale Paolo Maracci – per quanto mi riguarda, l'approvazione dell'atto ha una valenza anche personale, in quanto è stato dato seguito al lavoro di una persona speciale come Roberta Rognoni, consigliera comunale e prima Delegata ai Diritti degli Animali che ci ha lasciato nel 2015, alla quale oltre ad un percorso politico condiviso mi univa anche un rapporto di amicizia personale. Fui proprio io, a dover purtroppo prendere il suo posto in Consiglio comunale nella scorsa consiliatura. Un incarico che spero di aver condotto come avrebbe voluto e sicuramente fatto la nostra cara Roberta".

"Doverosi da parte mia dei ringraziamenti – prosegue il Consigliere Paolo Maracci – in primis a tutto il mondo animalista, in special modo a Fabio Di Matteo delle Guardie Ecozoofile di Fare Ambiente, che con professionalità e competenza ci ha affiancato in tutto l'iter. Un ringraziamento va ovviamente ad Elena Gubetti, Assessora alle Politiche Ambientali, alla Delegata alla Tutela degli Animali Adelaide Geloso, al Vicecomandante di Polizia Locale Maggiore Roberto Tortolini, al personale dipendente del Comune di Cerveteri Alessandro Carlini e Daniela Petrone, a tutte le realtà associative del territorio e ai veterinari, che hanno dato il proprio contributo per la stesura delle modifiche al regolamento".

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -