Sabato, 21 Settembre 2019
RSS Feed

politica

Categoria: politica

Ladispoli,Variante PRG: seduta di Consiglio legittima

Grando: sentenze Cassazione ci danno ragione

redazione martedì 6 agosto 2019
MUNICIPIO LADISPOLILADISPOLI - L'amministrazione di Ladispoli, a seguito di alcune notizie apparse sul web e sui mass media riguardanti la presunta illegittimità della seduta di Consiglio comunale in cui è stata adottata la Variante al Piano Regolatore Generale, ha inteso fare chiarezza e spiegare come l'intera procedura abbia invece assolutamente rispettato la normativa vigente.

"Agli esponenti dell'opposizione che hanno parlato di approvazione irregolare della delibera, in quanto a loro dire erano presenti in aula Consiglieri comunali in situazione di conflitto di interessi - spiega il sindaco Alessandro Grando – facciamo presente che una recente sentenza della Corte di Cassazione, la numero 12539 del 2016, ha fatto definitivamente chiarezza sull'obbligo o meno di abbandonare l'aula in queste occasioni. Nel verdetto della Corte di Cassazione viene spiegato in maniera esaurente come l'articolo 78 del D.lgs n. 267 del 2000 abbia abrogato la precedente disposizione dell'articolo 279 del Testo Unico del 1934, provvedendo ad eliminare l´obbligo dell'allontanamento dell'aula in precedenza previsto. In un caso simile a quello contestato dagli esponenti dell'opposizione, i giudici del Supremo Collegio avevano specificato infatti come la norma del Testo Unico degli Enti Locali non prevede un obbligo a carico dei Consiglieri di allontanamento dalla aula, ma semplicemente di astensione dalla discussione e dalla votazione. Inoltre, la Suprema Corte, ha ritenuto irrilevante il fatto che i Consiglieri in eventuale conflitto di interessi non allontanandosi dall'aula possano contribuire in maniera determinante a mantenere il numero legale della seduta. Ad ogni modo, nel caso specifico, essendo stati 9 i voti favorevoli, 7 i contrari e 6 gli astenuti, il numero legale sarebbe stato comunque garantito. Tutte le informazioni inerenti l'obbligo di astensione dalla discussione e dalla votazione, nonché al fatto che non fosse obbligatorio abbandonare l'aula, a seguito di una domanda specifica sono state fornite dal Segretario Generale del Comune di Ladispoli a tutti i membri del Consiglio comunale presenti il 31 luglio. Fatta finalmente chiarezza su questo argomento – conclude il sindaco Grando – considerando che la Variante al Piano Regolatore è un importante atto pianificatorio, dal quale dipende lo sviluppo della città nei prossimi decenni, invito i membri dell'opposizione a lavorare attivamente per dare il proprio contributo nell'iter approvativo. È infatti ancora possibile presentare delle proposte migliorative, che verranno esaminate e successivamente sottoposte al voto del Consiglio comunale. Chi sta cercando a tutti i costi di paralizzare la procedura, oltre ad assumersene la responsabilità politica, produce un danno alla città e ai cittadini che da quasi dieci anni pagano l'IMU sui terreni interessati senza poterne trarre beneficio".

Share on Facebook
Categoria: politica

Lazio, La settimana in Consiglio regionale

Seduta d'Aula e commissioni consiliari

redazione sabato 3 agosto 2019
ingresso consiglio regionaleLAZIO - Il presidente Mauro Buschini ha aggiornato la seduta ordinaria n. 38 del Consiglio regionale a mercoledì 7 agosto 2019 alle ore 11.

All'ordine del giorno restano i seguenti argomenti:

- Proposta di deliberazione consiliare n. 32 del 1 luglio 2019 di iniziativa del Presidente del Consiglio regionale Mauro Buschini in attuazione della deliberazione dell'Ufficio di Presidenza n. 101 del 26 giugno 2019, concernente: "Rendiconto generale del Consiglio regionale del Lazio per l'esercizio 2018";

- Testo unificato delle proposte di legge regionale n. 100 e n. 107 (Contrasto al fenomeno del lavoro irregolare e allo sfruttamento nell'Agricoltura);

- Proposta di legge regionale n. 113 (Compostaggio aerobico di rifiuti organici);

- Proposta di deliberazione consiliare n. 30 del 17 maggio 2019 (Piano del Parco nazionale del Gran Sasso e dei monti della Laga).


COMMISSIONI CONSILIARI PERMANENTI E SPECIALI

Martedì 6 agosto

Ore 10,30 - Sala Etruschi

IX Commissione - Lavoro, formazione, politiche giovanili, pari opportunità, istruzione, diritto allo studio

Audizione sulla proposta di legge n. 99, concernente "Disposizioni in materia di sistema integrato di educazione e istruzione per l'infanzia". Invitati: vicesindaca Città metropolitana di Roma Capitale con delega alle Politiche culturali, giovanili, sport, edilizia scolastica, formazione professionale, attività turistica, bilancio e partecipate; assessore alla Scuola di Roma Capitale; assessori alla scuola dei municipi di Roma; assessora ai Servizi sociali del comune di Rieti; assessora ai Servizi sociali del comune di Frosinone; assessore alla pubblica istruzione del comune di Viterbo; Leganet-Ali; Aninsei; associazione Genima; presidente del Consiglio d'istituto dell'I.C. "Maria Montessori".

Mercoledì 7 agosto

Ore 10,00 - Sala Latini

I Commissione - Affari costituzionali e statutari, affari istituzionali, partecipazione, risorse umane, enti locali, sicurezza, lotta alla criminalità, antimafia

Schema di Deliberazione n. 72 – R.U. REG. LAZIO 0609402 (Proposta n. 12642 del 17.07.2019) – decisione n. 64/2019 concernente: "Legge regionale del 5 luglio 2001, n. 15. Direttive, criteri e modalità per la concessione, in conto capitale, di finanziamenti per la promozione di interventi volti a favorire un sistema integrato di sicurezza nell'ambito del territorio regionale, ai sensi dell'art. 2, comma 1, lettera c) e art. 3, comma 2, della l.r. 15/2001. Utilizzo delle risorse disponibili, in conto capitale, sui capitoli R46514 e R46519 per un importo complessivo di euro 1.112.658,80 – esercizi finanziari 2019 e 2020".

Share on Facebook
Categoria: politica

Ladispoli, 500mila euro per messa in sicurezza fiume Vaccina

Aggiudicato un finanziamento regionale

redazione sabato 3 agosto 2019
sindaco alessandro grando dueLADISPOLI - "L'amministrazione comunale esprime grande soddisfazione dopo aver appreso di essersi aggiudicata un finanziamento regionale di 496.000 euro da utilizzare per interventi di messa in sicurezza del fiume Vaccina".

Con queste parole il sindaco di Ladispoli Alessandro Grando ha annunciato l'arrivo dei fondi che permetteranno di risolvere in modo decisivo un problema che riguarda la sicurezza dei residenti e degli operatori delle zone interessate dal rischio esondazione.

"In passato – prosegue il sindaco – le esondazioni hanno provocato pesanti danni, gettando nella disperazione decine di famiglie della nostra città e danneggiando in modo serio le attività commerciali e produttive lungo i quartieri che si affacciano sul corso d'acqua. Fin dal nostro insediamento abbiamo cercato delle soluzioni tecniche e fonti di finanziamento che ci permettessero di intervenire in maniera definitiva su questo annoso problema. Grazie all'impegno dall'ingegner Pravato dell'ufficio lavori pubblici abbiamo potuto partecipare al bando promosso dalla Regione Lazio con un progetto inserito nell'ambito delle opere per interventi per la difesa del suolo e la sicurezza del territorio".

"Il progetto presentato - spiega Grando - è stato ritenuto meritevole e Ladispoli è stata quindi inserita nella graduatoria degli enti locali aventi diritto al finanziamento. A nome della città ringrazio l'ingegner Pravato e l'assessore Veronica De Santis per il lavoro sin qui svolto. Ora inizia una nuova fase operativa nella quale verranno richiesti i nulla osta necessari, redatti i progetti esecutivi ed espletate le relative procedure di gara".

"Come amministrazione - conclude il sindaco - continueremo a lavorare su tutti i fronti per aggiudicarci i finanziamenti degli enti sovraordinati che possano consentirci, a costo zero per i cittadini di Ladispoli, di dotare la nostra città dei servizi che ancora mancano e di mettere in sicurezza le zone a rischio".

Share on Facebook
Categoria: politica

Ladispoli: variante al PRG

980.000mq di minor consumo suolo e -1.690 abitanti

redazione sabato 3 agosto 2019
MUNICIPIO LADISPOLILADISPOLI - Durante la seduta dello scorso 31 luglio il Consiglio comunale è tornato ad occuparsi del più importante atto di pianificazione urbanistica a livello cittadino, il Piano Regolatore Generale.

Come molti ricorderanno la Variante era stata originariamente adottata nel 2010 e controdedotta nel 2016 ma, a distanza di numerosi anni, mai inviata alla Regione Lazio per la sua approvazione definitiva. Nel frattempo centinaia di cittadini di Ladispoli, per effetto di una legge ingiusta ma vigente, sono stati costretti a pagare l'IMU su quei terreni come se fossero già di fatto edificabili.

Come se non bastasse, dal punto di vista tecnico, la Variante predisposta dalla precedente amministrazione presentava alcune anomalie, in quanto era stata attribuita a diverse aree una destinazione urbanistica incompatibile con il Piano Territoriale Paesistico Regionale (PTPR). Risultava quindi necessario adeguare la nostra Variante alle disposizioni del Piano regionale, strumento prescrittivo e sovraordinato che è stato recentemente approvato dal Consiglio Regionale del Lazio.

Nelle norme del PTPR è infatti previsto che i Comuni debbano modificare i propri strumenti urbanistici entro due anni dalla sua approvazione, adeguandoli alle prescrizioni contenute nel PTPR stesso.

Oggi, oltre alla soddisfazione di aver migliorato il nostro Piano regolatore, come vedremo in seguito, possiamo affermare di aver anticipato i tempi e di essere il primo comune del Lazio ad aver adempiuto a questo obbligo.

In questa fase di revisione abbiamo inoltre colto l'occasione per apportare al Piano regolatore ulteriori migliorie, con l'obiettivo di contenere decisamente il consumo di suolo e di diminuire il numero degli abitanti insediabili, in linea con il programma amministrativo con il quale ci siamo presentati al cospetto della città alle ultime elezioni comunali.

Anche qui possiamo affermare di aver centrato in pieno l'obiettivo e di aver dato la nostra impronta ad un Piano regolatore in cui, rispetto alla precedente versione, sono aumentate le aree a servizi e drasticamente diminuite le aree residenziali e commerciali. A differenze di quanto scritto da alcuni membri dell'opposizione, che a quanto pare faticano a leggere i documenti allegati alle deliberazioni consiliari, nella Relazione Integrativa si può leggere chiaramente, a pagina 36, che con l'ultima variante proposta si determina una sostanziale riduzione di cubature rispetto alla versione precedente.

Le modifiche apportate hanno infatti determinato una diminuzione del consumo di suolo pari a 982.000 mq., che a sua volta determina una riduzione del numero degli abitanti insediabili pari a 1.690 unità. Un altro aspetto a cui è stata data particolare attenzione è quello relativo alla viabilità. Sappiamo infatti che la nostra città, in determinati orari, paga a caro prezzo le scelte scellerate in materia urbanistica di chi ci ha preceduto.

Con due nuovi ingressi, uno da via Pizzo del Prete e uno direttamente dalla via Aurelia, abbiamo pianificato una migliore distribuzione del carico viario che, una volta realizzato, ci permetterà di alleggerire il traffico sugli altri accessi cittadini. A seguito dell'adozione avvenuta il 31 luglio inizierà la fase partecipativa prevista per legge, pertanto tutti i cittadini potranno presentare delle osservazioni alla variante che dovranno essere controdedotte nuovamente in Consiglio comunale.

Dedicheremo a questa fase la massima priorità e nel frattempo verrà anche redatta la Valutazione Ambientale Strategica, altro documento che allo stato era mancante e che costituisce un importante allegato che avrà il suo iter in Regione Lazio.NL'obiettivo è quello di terminare la procedura comunale in pochi mesi, al fine di inoltrare tutta la documentazione alla Regione Lazio per l'approvazione definitiva della Variante al Piano Regolatore Generale.

Lo abbiamo promesso alle persone che pagano l'IMU da 10 anni e soprattutto lo dobbiamo alla nostra città, che dall'approvazione di questo Piano regolatore trarrà dei grandi benefici in termini di nuove infrastrutture e di nuovi servizi. Colgo l'occasione per ringraziare gli Uffici comunali che in questi mesi hanno lavorato a questo importante provvedimento, in particolare l'arch. Roberto Silvi e l'arch. Vanessa Signore, supportati dall'esterno dall'arch. Demetrio Carini.

Così una nota dell'ufficio stampa di Ladispoli.

Share on Facebook
Categoria: politica

Minnucci: Regione investe su luoghi della cultura

Investiti quasi 600mila euro

redazione venerdì 2 agosto 2019
minnucci emilianoLAZIO - "Con una determina ad hoc ieri la Regione Lazio ha pubblicato la graduatoria dei Comuni che hanno presentato domanda di finanziamento a fronte dell'avviso dello scorso gennaio in relazione alla valorizzazione dei Luoghi della Cultura del Lazio", ha detto il Consigliere regionale, Emiliano Minnucci, commentando la determina n. G10520 con cui la Direzione cultura e politiche giovanili della Regione Lazio ha pubblicato la graduatoria dei Comuni nell'ambito del progetto relativo alla 'Valorizzazione dei Luoghi della Cultura del Lazio', promosso dalla stessa Regione con Determinazione n. G00484 del 22/01/2019.

"Un'ottima notizia soprattutto per i Comuni di Sacrofano e Allumiere, ai quali è stato subito riconosciuto il finanziamento dei progetti, ma anche per Tolfa, Santa Marinella e Sant'Oreste, i cui progetti saranno oggetto di prossimo contributo. Sui nostri territori – ha concluso Minnucci - la Regione Lazio fa subito un investimento complessivo di quasi 600mila euro che saranno destinati sia alla rivisitazione della Biblioteca comunale a Sacrofano e sia alla manutenzione e rifacimento del Palazzo della reverenda camera apostolica ad Allumiere".

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -