Domenica, 22 Settembre 2019
RSS Feed

primo piano

Categoria: primo piano

Lazio, Turismo: presentato il Piano Strategico

Al centro sviluppo sostenibile e promozione

redazione martedì 14 maggio 2019
Civita di Bagnoregio
LAZIO - Presentato il Piano strategico per lo sviluppo del turismo nel Lazio 2019-2021, che conclude il percorso di definizione delle strategie di azione e delle fondamentali linee guida. L'iter prosegue nei prossimi giorni con la presentazione del testo in Giunta e successivamente il trasferimento al vaglio delle Commissioni e del Consiglio.

Lo rende noto un comunicato della Regione Lazio.

Il documento di programmazione triennale del turismo definisce gli obiettivi più importanti per il futuro del settore turistico della destinazione Lazio. Alla presentazione amministratori locali, rappresentanti delle associazioni territoriali ed esperti della promozione e dello sviluppo del settore.

"Il documento definitivo è il frutto di un grande percorso partecipato nelle cinque province del Lazio, un patrimonio di idee e progetti emerso in 5 appuntamenti, 43 tavoli di lavoro con oltre 1600 partecipanti. Un Piano che rappresenta il nuovo modello di sviluppo del turismo della giunta Zingaretti che mette al centro lo sviluppo sostenibile, la promozione della bellezza del paesaggio e dei borghi e la capacità di creare benessere economico a beneficio delle comunità locali – così l'assessore al turismo Lorenza Bonaccorsi, che ha aggiunto: grazie a chi ha partecipato alla presentazione ufficiale e soprattutto grazie ai territori, alle loro grandi energie e alla loro voglia di esserci. Il viaggio del Lazio delle meraviglie continua".

Share on Facebook
Categoria: primo piano

Torno Subito 2019: presentato il nuovo bando

Almeno 1000 i progetti finanziati

redazione domenica 12 maggio 2019
torno subito 2019
LAZIO - Il presidente, Nicola Zingaretti e l'assessore al Lavoro, Formazione, Scuola e Diritto allo Studio universitario, Claudio di Berardino, hanno presentato la nuova edizione di Torno Subito, il programma della Regione Lazio che sostiene i progetti presentati dai giovani per migliorare e valorizzare le loro competenze e esperienze professionali.

Lo rende noto un comunicato della Regione Lazio.

Il bando 2019 è finanziato con 13,3 milioni di euro
del Programma POR FSE, di cui 600 mila euro riservati a proposte per 'professioni della cucina e dell'enogastronomia' e 1 milione di euro per progetti relativi alle 'professioni del cinema'.

I finanziamenti permetteranno di sostenere i percorsi di almeno 1.000 giovani, che si aggiungeranno agli altri 7mila che hanno già partecipato alle precedenti cinque edizioni del programma. In questi anni i 7mila ragazzi partiti con il Progetto Torno Subito si sono distribuiti in Europa e nel mondo, realizzando i propri progetti formativi o realizzando work-experience presso aziende o organismi internazionali.

I progetti prevedono percorsi integrati di alta formazione ed esperienze in ambito lavorativo, prima fuori dalla Regione Lazio per l'acquisizione e l'approfondimento delle conoscenze (FASE 1), e successivamente all'interno del territorio regionale in cui il bagaglio delle competenze viene reimpiegato in ambito lavorativo (FASE 2).

La registrazione degli account sarà possibile dalle 12:00 del prossimo 6 maggio e i progetti potranno essere inviati fino alle 12:00 del 21 giugno. Per tutte le info vai qui:http://www.tornosubito.laziodisco.it/notizie/pubblicato-il-nuovo-bando-torno-subito-2019/

"Il progetto 'Torno Subito', realizzato anche grazie all'Europa, permette alle ragazze e ai ragazzi di andare all'estero, studiare e formarsi e poi tornare per portare le loro competenze – parole del presidente, Nicola Zingaretti, che ha aggiunto: non vogliamo fare nessuna elemosina, ma al contrario valorizzare le opportunità che una nuova edizione può dare all'Italia. Parlo di formazione, scuola, università, di diritto allo studio, di valorizzazione delle competenze".

Share on Facebook
Categoria: primo piano

Lazio, inaugurata la Settimana della Cultura

Alla presenza della massime cariche del Consiglio

redazione venerdì 10 maggio 2019
Logo cultura europeaLAZIO - Si è svolto ieri in sala Mechelli l'incontro inaugurale della Settimana della cultura europea della Regione Lazio con alcune delle massime cariche istituzionali del Consiglio regionale, rappresentanti delle principali università, amministratori locali, insegnanti, dirigenti scolastici e studenti. Fino al 16 maggio in tutto il territorio regionale è previsto un fitto programma di iniziative: convegni, incontri culturali dedicati all'Europa, mostre, allestimenti, passeggiate.

Nel corso dell'incontro sono intervenuti i soggetti beneficiari dei contributi erogati del Consiglio regionale del Lazio, volti a sostenere venti iniziative, realizzate da comuni in partnership con le scuole e le università, finalizzate a diffondere la conoscenza dell'Europa, dei diritti della cittadinanza e dei valori comuni europei. Il Consiglio regionale ha anche contribuito, attraverso alle tre università romane che hanno aderito all'iniziativa (Sapienza, Tor Vergata e Roma Tre), al sostegno degli studenti vincitori di una borsa di studio Erasmus economicamente svantaggiati. Attraverso un'integrazione della borsa di studio erogata dall'Unione europea, 108 studenti nell'anno accademico 2017-2018 hanno potuto trascorrere il periodo di studio Erasmus all'estero.

E proprio nella Settimana europea della cultura mercoledì 15 maggio il Consiglio regionale si riunirà per l'esame della "Relazione informativa annuale della Giunta al Consiglio regionale, anno 2018, ai sensi dell'articolo 11 della legge regionale del 9 febbraio 2015, n. 1, relativamente alla partecipazione della Regione alle politiche dell'Unione europea", adottata dalla Giunta regionale con deliberazione n. 118 del 6 marzo 2019.

Share on Facebook
Categoria: primo piano

Lazio, legge biodistretti: sì da mondo agricolo

Audizione in Commissione Agricoltura

redazione mercoledì 8 maggio 2019
agroalimentare
LAZIO - L'ottava commissione consiliare permanente, Agricoltura, ambiente, ha ascoltato oggi alcuni rappresentanti del mondo agricolo del Lazio, in merito alla proposta di legge regionale n. 56, "Disposizioni per la discliplina e la promozione dei biodistretti".

Gli auditi hanno espresso apprezzamenti lusinghieri per il testo con il quale s'intende promuovere l'agricoltura biologica e l'agroecologia (applicazione dei principi ecologici alla produzione di alimenti, carburante, fibre e farmaci nonché alla gestione di agrosistemi), l'eco-turismo, il turismo culturale e gastronomico, incentivando la creazione dei "biodistretti", vale a dire "sistemi produttivi locali a vocazione agricola" (così sono definiti dalla normativa nazionale).

I proponenti la pl 56 così definiscono i biodistretti: aree geografiche omogenee dove aziende, enti locali, istituzioni di ricerca, associazioni e cittadini stringono una sorta di patto, per la gestione del territorio, partendo dal modello biologico di produzione e consumo. A un comitato promotore, costituito tra enti locali, soggetti pubblici e privati, spetta il compito di individuare il biodistretto, promuovendone la costituzione presso la Giunta regionale che a sua volta potrà erogare contributi per la realizzazione di progetti di sviluppo. Ed è proprio il comitato promotore del distretto etrusco romano che in audizione ha illustrato le grandi potenzialità insite nella proposta di legge all'esame dell'ottava commissione.

Sei aziende nel comune di Fiumicino, mille ettari, settanta addetti e cinque milioni di fatturato fanno parte del progetto. Due comuni, Fiumicino e Cerveteri, hanno aderito, altre dodici aziende agricole hanno chiesto di entrare nel distretto etrusco romano, segno evidente delle grandi potenzialità del settore, secondo i promotori. Il rappresentante di Confagricoltura Lazio dal canto suo ha auspicato una maggiore armonizzazione normativa con il piano agricolo regionale.

L'iniziativa legislativa è assolutamente condivisibile per il rappresentante della Confederazione coltivatori agricoli (Copagri) e per quello del biodistretto Via Amerina. Quest'ultimo, in particolare, ha posto l'accento sulla necessità di definire la governance del biodistretto. Il rappresentante della Schola Campesina Aps (centro di formazione e ricerca) ha evidenziato che l'agricoltura biologica rappresenta un impulso importante d'innovazione nel settore agricolo.

Nel pomeriggio, l'ottava commissione è tornata a riunirsi, stavolta in seduta ordinaria, per dare parere favorevole a maggioranza dei presenti allo schema di decreto del presidente della Regione n. 36, concernente la nomina di un membro del consiglio direttivo con funzioni di presidente dell'ente regionale Parco di Veio, ai sensi dell'articolo 14, comma 1, lettera a, della legge regionale n. 29 del 6 ottobre 1997.

Share on Facebook
Categoria: primo piano

Lazio, TPL: biglietto unico per 58 Comuni

Previsti sistemi info per orari e spostamenti

redazione martedì 7 maggio 2019
trasporto pubblico
LAZIO - Presentate alla Regione due importante azioni finalizzate a migliorare e semplificherà la vita dei cittadini che utilizzano il trasporto pubblico nell'area metropolitana di Roma. 5 milioni di euro di fondi Por Fesr per due importantissime innovazioni:

1) Dotare tutta l'area metropolitana di Roma del Sistema di Bigliettazione Elettronica, che sarà finanziato con 3 milioni di euro. Il biglietto unico coprirà 58 Comuni della città metropolitana di Roma.

2) Nuovi sistemi informativi di Infomobilità con 2 milioni di euro. Si tratta di un importante investimento che consentirà di coordinare tutte le informazioni sul trasporto pubblico nella città metropolitana di Roma, dando finalmente ai cittadini la possibilità di conoscere in tempo reale attese e possibilità di spostamento.

La Regione Lazio continuerà ad investire sul trasporto pubblico anche grazie a un buon utilizzo delle risorse europee. L'obiettivo è quindi quello di andare avanti, anche con l'impegno a estendere a tutto il territorio regionale questa sperimentazione.

"I trasporti nel Lazio fanno un salto di qualità importante: in 58 Comuni dell'area metropolitana di Roma ci sarà il biglietto unico, anche elettronico, e soprattutto c'è un investimento sulle nuove tecnologie per controllare di più gli orari e mettere i cittadini nelle condizioni, anche fuori Roma, di sapere dell'arrivo del mezzo pubblico"- è il commento del presidente, Nicola Zingaretti.

"Questo sistema consentirà un coordinamento integrato dei servizi di trasporto e di mobilità, basato su dotazioni tecnologiche e organizzative all'avanguardia. Entrambi i progetti saranno portati a termine entro il 2020. Dopo i sei milioni di euro destinati ai Comuni per il rinnovo del parco mezzi, la Regione Lazio continua ad investire sul miglioramento del sistema di trasporto pubblico locale. Questi due progetti, dal valore complessivo di cinque milioni, hanno l'obiettivo di rendere ancora più moderno e accessibile il tpl sull'intero territorio regionale, favorendo una migliore informazione agli utenti e una interoperabilità tra gli operatori del servizio"- così l'assessore ai trasporti, Mauro Alessandri.

Share on Facebook
Il Corriere del Lago è una testata giornalistica regolarmente registrata - iscrizione al roc n°20112 -
Direttore responsabile: Andrea Camponi - Direttore editoriale: Giampiero Valenza
MAGAZZINIDELCAOS editori via di Siena,14 Castiglione della Pescaia [gr] - p.iva/cod.fisc. 011 99 86 05 35
- TUTTI I DIRITTI RISERVATI -