Venerdì, 3 Febbraio 2023
RSS Feed
Categoria: primo piano

Beffato Pde: fondi potabilizzatore al 2015

Paolessi: “Menzogne gli annunci di aprile del Pd”

redazione giovedì 17 luglio 2014
Ponton Elce due
ANGUILLARA - "Ancora un bugia per i residenti di Ponton dell'Elce, la giunta Pizzorno ha mentito riguardo i fondi regionali per l'acquisto dell'impianto per il trattamento dell'acqua, basta leggere l'articolo pubblicato sul giornale on line del Comune pubblicato il 18 aprile 2014".

E' l'accusa che lancia il capogruppo Ncd al Comune di Anguillara, Stefano Paolessi, riguardo lo stanziamento regionale per l'acquisto del secondo impianto per il trattamento dell'acqua dall'arsenico, da installare proprio a Ponton dell'Elce. Effettivamente, il 18 aprile 2014, l'amministrazione comunale pubblicò sul giornale on line del Comune un articolo titolato: "Anguillara: Zingaretti, a differenza della Polverini, mantiene le promesse; in arrivo 500 mila per l'acquisto dell'impianto di Ponton dell'Elce".

"la prima bugia – attacca Paolessi – riguarda il finanziamento totale che è rimasto di 400 mila euro e non di 500 mila come la panzana riportata nell'articolo. Ricordo a tutti l'impegno preso dall'allora assessore Mattei proprio in un assemblea pubblica a Ponton dell'Elce. La verità che ha nascosto la giunta di sinistra guidata da Pizzorno è sconcertante: il tanto annunciato cambio di rotta da Polverini a Zingaretti, sbandierato in tutti i Consigli e assemblee, non solo non esiste – insiste il capogruppo Ncd - ma il sindaco e l'assessore tengono i fatti nascosti ai cittadini di Ponton dell'Elce, forse anche per questo non si è voluto fare il Consiglio straordinario? Nel bilancio regionale 2014, la somma stanziata è di 40 mila euro non ancora erogati e siamo a luglio, mentre per i restanti 360 mila euro, lo stanziamento è stato spostato nel 2015 e con le lungaggini burocratiche prevedibili, forse saranno disponibili nel 2016".

"Adesso basta – conclude Paolessi - non è più accettabile quest'atteggiamento scorretto, chiedo al sindaco non solo di chiedere scusa ai residenti di Ponton dell'Elce ma anche di attivarsi immediatamente, e non solo a parole come uso di questa sinistra, con i suoi rappresentanti regionali, affinché questa situazione vergognosa si risolva al più presto, altrimenti, chi ad aprile annunciò: "E' fatta! Ora abbiamo i fondi per acquistare anche il secondo impianto installato presso il quartiere di Ponton dell'Elce", dovrebbe ritrovare la dignità ed avere il coraggio di dimettersi".


Share on Facebook